Econonia e fiscoVarie

Devi presentare il 730? Tutto quello che c’è da sapere

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la bozza del nuovo modulo 730/ 2023. Vediamo le informazioni da sapere  e soprattutto le diverse novità rese note.

  • Iniziamo dalla data di scadenza che come lo scorso anno resta il prossimo 30 settembre. Data che vale sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati.
  • I redditi da dichiarare sono quelli dell’anno di imposta 2022.
  • La dichiarazione dei redditi 730 2023, può essere presentata direttamente dal contribuente, utilizzando la dichiarazione 730 precompilata 2023 dal 30 Aprile 2023; da un Centro di Assistenza Fiscale dal mese di Maggio 2023; dal sostituto di imposta (datore di lavoro) e da un professionista abilitato.
  • La certificazione unica 2023 dei redditi avverrà dal 16 marzo 2023, senza ricordiamo non sarà possibile procedere.
  • La stessa dovrà essere richiesta a tutti i datori di lavoro con cui si è svolto una prestazione lavorativa dal 1° gennaio 2022 al 31 Dicembre 2022 o ai committenti, nel caso in cui si è svolto un lavoro occasionale e non abituale dal 1° Gennaio 2022 al 31 Dicembre 2022, oppure essere scaricata dai siti di: NoiPa, per i dipendenti della pubblica amministrazione: Istituto previdenziale Inps o da altri Enti assistenziali o pensionistici.
  • Tra l’altro è obbligatorio inviare la dichiarazione 730 o il modello Unico, per i lavoratori babysitter, colf e badanti, che superano un reddito complessivo di 8000,00 euro nell’anno 2022.
  • Alla dichiarazione vanno presentati documenti quali:
  • le spese sanitarie: scontrini parlanti e visite specialistiche, sostenute nell’anno precedente, con ricevuta della carta di credito;
  • i versamenti dei contributi obbligatori versati ad un ente pensionistico, per l’assunzione di una colf o la badante o per la previdenza complementare;
  • le fatture ed i bonifici per la ristrutturazione della casa o per il pagamento degli interessi passivi;
  • le spese veterinarie degli animali domestici;
  • le ricevute degli affitti del figlio studente o della casa di abitazione;
  • le detrazioni per gli abbonamenti dei trasporti dei propri figli;
  • gli interessi passivi sul mutuo dell’abitazione principale.

Una delle novità del modello 730 2023 è la rimodulazione degli scaglioni di reddito e delle detrazioni e l’introduzione dell’assegno unico da marzo 2022, sostituendo le detrazioni fiscali per i figli a carico con un’età inferiore a 21 anni.

Ricordarsi che il modello 730 è un documento fiscale per il calcolo annuale delle:

-imposte maggiori da pagare (rispetto a quelle già corrisposte in busta paga, sulla pensione o sulla Naspi) o da rimborsare;

– per il pagamento obbligatorio di tutte le imposte non corrisposte sulla busta paga o risultanti dalla somma di due CU 2023;

– per ricevere un rimborso fiscale irpef, grazie alle deduzioni e detrazioni fiscali, previste dalla legge ed al trattamento integrativo della retribuzione di 1200 euro annuali, se non percepito.

E’ bene ricordare che questa da noi fornita è una indicazione di massima. Per tutti i dettagli è consigliabile leggere attentamente gli allegati dell’Agenzia delle Entrate oppure rivolgersi ad un CAF oppure ad un professionista abilitato.

Articoli correlati

Vendite al dettaglio, Assoutenti: per alimentari crollo pesante, -0,2% su mese, -2% su anno. Al netto inflazione spesa per cibo scende di 3 miliardi di euro

Alberto De Stefano

MONTORO: FORUM DEI GIOVANI, AL VIA LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE

Redazione Inveritas

Il Santo del giorno: S. Aronne

Rosaria Vietri

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto