CampaniaCronaca

Euro falsi: scattano 24 misure cautelari

La base in un basso di Napoli trasformato in un ufficio vero e proprio

Ventiquattro persone, a vario titolo, sono state raggiunte da misure cautelari emesse dal Gip del tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura, sezione Criminalità Economica. Secondo quanto emerso sono tutte gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione a delinquere delinquere finalizzata alla vendita e messa in circolazione di banconote in euro contraffatte e di concorso nella messa in circolazione delle stesse in concerto con chi le ha prodotte. I provvedimenti sono stati eseguiti dagli uomini della seconda sezione operativa di Napoli del comando carabinieri antifalsificazione monetaria, coadiuvati, nella fase esecutiva, da quelli della prima sezione operativa Roma e della sezione cripto-valute del medesimo comando specializzato, nonché’ da quelli dei comandi provinciali di Napoli e di Brescia. Nove persone sono state portate in carcere, dieci poste agli arresti domiciliari e per altre cinque è scattato il divieto di dimora. L’indagine è durata un anno e ha consentito di individuare in un basso di Napoli, trasformato in una sorta di ufficio con tanto di orari, il luogo da cui partiva ogni transizione.

Articoli correlati

Domani l’autopsia sul corpo di Michele Spagnuolo travolto dalla sua stessa auto

Redazione Inveritas

Auto e casa in fiamme, doppio intervento dei vigili del fuoco nella notte

Redazione Inveritas

Fango sul Consorzio di Bonifica: il presidente D’Angelo chiarisce e annuncia querele

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto