Avellino e provinciaCronacaNEWS

I carabinieri Forestali sequestrano due aziende di legnami che operavano senza autorizzazioni, valore di 1 milione di euro

I Carabinieri Forestali di Avellino, sempre attivi nella prevenzione e repressione dei reati ambientali, hanno posto sotto sequestro due società dedite alla commercializzazione e lavorazione di legname perché esercitavano l’attività in assenza delle previste autorizzazioni.
Nello specifico, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Monteforte Irpino, congiuntamente ai militari della CITES di Salerno ed ai Vigili del Fuoco di Avellino, hanno accertato che due aziende dedite alla commercializzazione e lavorazione di legname, site nel comprensorio del baianese, esercitavano la propria attività in assenza di autorizzazione.
Infatti, gli immobili si trovavano in area sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico, ubicati a ridosso del corso d’acqua del Regio Lagno “Sciminarro”, soggetto a vincolo di inedificabilità.
L’attività investigativa posta in essere dai Carabinieri Forestali, ha di fatto accertato che la lavorazione del legno avveniva su una superfice di 10.000mq, che al Catasto risultava essere ai fini agricoli e non commerciali e che era stato realizzato, abusivamente, un capannone industriale in ferro e lamiere di circa 1.700mq in assenza del permesso di costruire e della prevista autorizzazione paesaggistica emesse dagli Enti competenti.
Si riscontrato inoltre, che nei due opifici avveniva lo smaltimento illecito delle acque meteoriche di dilavamento e di lavaggio delle aree esterne direttamente nel corso d’acqua adiacente.
I militari del Nucleo CITES di Salerno hanno elevato sanzione amministrativa per violazione al Regolamento UE, inerente all’acquisto ed alla vendita illecita di materiale legnoso.
Il sequestro delle aziende e di tutte le attrezzature ivi presenti, effettuato dalla P.G. operante, ha un valore indicativo di circa 1.000.000 di euro.

Articoli correlati

Zio “orco”: baci e palpeggiamenti alle due nipoti minorenni

Redazione Inveritas

Solofra, alla Fondazione De Chiara De Maio la mostra di Musarò

Giuseppe Aufiero

Montella: non rispondeva ai familiari, trovato morto in casa

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto