Avellino e provinciaVideo

“Conobbi il giudice Francesca Morvillo il giorno prima della strage di Capaci. Piansi per lei”

“Quanta gentilezza negli occhi di Francesca Morvillo”. Il magistrato Vincenzo D’Onofrio, durante l’incontro con gli alunni dell’istituto Francesco Guarini di Solofra, ricorda Francesca Morvillo, magistrato e moglie del giudice antimafia Giovanni Falcone, rimasta uccisa nella strage di Capaci, un attentato di stampo terroristico-mafioso. Era il 23 maggio 1992. Gli attentatori fecero esplodere un tratto dell’autostrada A29. Oltre a Falcone e la Morvillo morirono anche gli agenti della scorta. “Il giudice Morvillo fino al giorno prima, il 22 maggio 1992 era un venerdì, faceva parte della commissione del concorso in magistratura. Lo so perché a quel concorso ho partecipato. Ed è il concorso che ho vinto” ricorda D’Onofrio. “E proprio a Francesca Morvillo consegnai l’ultima prova scritta. Mi rimasero impressi i suoi occhi. E quando il giorno dopo scoprii chi era scoppiai a piangere”

Articoli correlati

Premio Due Principati, l’assessore regionale Caputo riceve la delegazione irpina

Redazione Inveritas

Teatro: appuntamento domenica a Montoro

Redazione Inveritas

Truffa con falso profilo WhatsApp: due persone denunciate dai Carabinieri

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto