Avellino e provinciaCronaca

Si facevano spaccare i denti per simulare incidenti stradali. Chiesto il processo

Gli incidenti erano falsi ma le lesioni erano vere.

La Procura della Repubblica di Avellino ha chiesto il processo per 16 indagati coinvolti nell’inchiesta sui falsi sinistri stradali. L’udienza preliminare davanti al Gup del tribunale di Avellino si svolgerà il prossimo 7 marzo. A fine settembre erano stati 16 gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari firmati dal Pm della Procura della Repubblica di Avellino, Luigi Giglio, che ha coordinato l’inchiesta dei Carabinieri del comando provinciale di Avellino che a giugno 2022 aveva disarticolato le tre organizzazioni attive nella città capoluogo e nell’interland.

Nella rete degli inquirenti finirono avvocati, medici e pregiudicati.

Tra le pratiche poste in essere quella dello “spaccadenti” chiamata così per la lesione o la limatura di denti e labbra per dare Maggiore credibilità alle simulazioni di sinistri stradali.

g.aufiero@inveritas.news

Articoli correlati

Amministrative: presentate le liste negli 84 comuni chiamati al voto

Redazione Inveritas

I Carabinieri Forestali denunciano tre persone per danneggiamento

Redazione Inveritas

I CARABINIERI DELL’ARTE RESTITUISCONO ALL’ABBAZIA BENEDETTINA DI CAVA DE’ TIRRENI UN’OPERA TRAFUGATA 20 ANNI FA

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto