CampaniaCronacaNEWS

NAPOLI:BANCAROTTA FRAUDOLENTA, RICORSO ABUSIVO AL CREDITO E MALVERSAZIONE DI EROGAZIONI PUBBLICHE: SCATTA L’OBBLIGO DI DIMORA PER 4 RESPONSABILI E IL SEQUESTRO BENI PER 3,7 MILIONI DI EURO

In data odierna, nell’ambito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’obbligo di dimora, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di quattro persone gravemente indiziate dei reati di bancarotta fraudolenta, ricorso abusivo al credito e malversazione di erogazioni pubbliche.
Il provvedimento trae origine,da un’articolata attività d’indagine sul fallimento di una società di Caivano esercente la vendita al dettaglio di generi alimentari e titolare di un marchio notorio nel mercato dei prodotti farinacei.
Le investigazioni hanno consentito di appurare che i soci e gli amministratori della fallita, residenti nelle province di Napoli e Caserta, hanno depauperato il patrimonio sociale distraendo le attrezzature, i macchinari, l’avviamento commerciale, i crediti liquidi e il personale dipendente a favore di una società di nuova costituzione, ad essi riconducibile, che ha proseguito l’attività d’impresa, senza soluzione di continuità, nei medesimi locali siti nel comune di Caivano.
Inoltre, gli indagati hanno ceduto le disponibilità finanziarie e i beni aziendali di maggior valore, compresi alcuni autoveicoli di lusso, ad una società immobiliare, vera e propria “cassaforte” di famiglia,
intestando la società fallita, ormai spogliata di tutti i cespiti, ad un prestanome
Le distrazioni accertate ammostano complessivamente ad oltre 2 milioni di euro.
Dalle investigazioni è emerso, inoltre, che i destinatari dell’odierno provvedimento hanno chiesto e Ottenuto cospicui finanziamenti per diversi milioni di euro nel periodo in cui la società già versava in uno stato di decozione, allo scopo di rappresentare mendacemente ai creditori una situazione di solidità finanziaria.

I predetti finanziamenti, peraltro garantiti dallo Stato, sono stati, invece, destinati alla nuova società, nonché all’acquisto di beni di lusso e alla ristrutturazione di uno vachr, poi noleggiato sul web.
Unitamente alle misure cautelari personali, è stato eseguito il sequestro preventivo, anche per equivalente, dei beni mobili e immobili degli indagati. delle quote delle società coinvolte e del relativo patrimonio, costituito da 30 immobili e 19 terreni, per un valore complessivo di circa 3,7 milioni di euro.

Articoli correlati

Arriva la pillola gratuita per tutte le donne; una svolta importante

Redazione Inveritas

Rubano al supermercato, inseguiti ed arrestati in autostrada dalla Polizia

Redazione Inveritas

Pellezzano: inaugurato stamane il rinnovato tratto stradale alla frazione Cologna

Pietro Montone

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto