Avellino e provinciaCronaca

Avevano aggredito un giovane – misura di prevenzione personale (D.AC.UR.) a carico di tre giovani

Tre giovani irpini sono stati destinatari di provvedimenti di divieto di accesso alle aree urbane – D. AC. UR. c.d. daspo Willy – adottati dal Questore di Avellino al termine dell’attività di analisi svolta dalla Divisione Anticrimine. I provvedimenti si inseriscono nelle strategie di prevenzione per tutelare il decoro urbano e consentire una libera fruibilità delle zone della c.d. movida. Sono stati emessi a seguito di aggressione, per futili motivi, avvenuta nel decorso mese di aprile nei pressi di un esercizio pubblico di questo capoluogo, nei confronti di un giovane rumeno residente in provincia che, nella circostanza, riportava lesioni al volto, al torace e alle mani. I tre irpini, inoltre, hanno evidenziato ulteriori condotte antigiuridiche nei confronti del personale delle sezioni Volanti, intervenuto sul posto a seguito di segnalazione di un cittadino, rifiutando di fornire le proprie generalità, oltraggiandoli e minacciandoli e, pertanto, segnalati all’A.G. competente. Nel merito, nelle prime ore del 10 aprile scorso alla Sala Operativa della Questura veniva segnalata una lite in atto e in particolare una violenta aggressione da parte di tre giovani nei confronti di un altro giovane. Il personale, immediatamente intervenuto sul posto, notava un giovane che alla loro vista si accasciava a terra. Prontamente soccorso, prima di essere trasportato a mezzo ambulanza presso il locale nosocomio, nell’immediatezza riferiva che, dopo aver chiesto un accendino, uno dei giovani iniziava ad inveire nei suoi confronti per poi colpirlo improvvisamente.  Nelle immediate vicinanze, disteso in un’aiuola, veniva individuato un giovane che fin da subito evidenziava un alito vinoso ed escoriazioni alle mani il quale veniva raggiunto da altri due ragazzi che, a seguito di una ricostruzione dei fatti, venivano individuati quali autori dell’aggressione. Gli stessi mostravano fin da subito un atteggiamento poco collaborativo, assumendo condotte di resistenza, ingiurie e minacce nei confronti degli operanti rendendo necessario il loro accompagnamento in Questura per gli accertamenti di rito. Per la condotta manifestata, tenuta in orari notturni e da ritenersi pericolosa per l’ordine e la tranquillità pubblica, al fine di evitare il reiterarsi di analoghe condotte specie nei luoghi di aggregazione di giovani, ai destinatari del provvedimento interdittivo è stato inibito, per la durata di 10 mesi, di accedere ai pubblici

Articoli correlati

Omicidio- suicidio oggi a Pozzuoli. Il dramma davanti ai figli

Redazione Inveritas

Dopo la dura polemica sui prezzi aumentati Irpiniambiente chiarisce

Redazione Inveritas

Napoli, a fuoco la Vela Rossa di Scampia- Video

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto