CronacaSalerno e provincia

Guardia di Finanza Salerno, Operazione “Peet Food”: bancarotta fraudolenta per 1 Milione e 500 mila euro.

È stata eseguita dalla Guardia di Finanza una ordinanza applicativa di misura cautelare personale del divieto di esercitare l’attività imprenditoriale e di ricoprire uffici direttivi presso persone giuridiche ed imprese. Bancarotta fraudolenta per un 1,5 milioni di euro.

Nei giorni scorsi, su disposizione della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale del divieto temporaneo di esercitare l’attività imprenditoriale e di ricoprire uffici direttivi, presso persone giuridiche ed imprese, nei confronti di tre soggetti responsabili del reato di bancarotta fraudolenta.

Le indagini, eseguite dai finanzieri della Compagnia di Vallo della Lucania e avviate a seguito della dichiarazione di fallimento di una ditta individuale, si sono protratte per oltre un anno e si sono strutturate in due fasi.

Durante una prima fase, le Fiamme Gialle, attraverso un attento esame della documentazione acquisita, avevano accertato che gli indagati, al fine di sottrarre alla procedura fallimentare i propri beni aziendali, avevano emesso, nella fase immediatamente precedente alla dichiarazione di fallimento, fatture per oltre trecentomila euro che, al termine dei riscontri eseguiti, sono risultate essere false. Al fine di assicurare il recupero dell’imposta evasa, questa Procura procedeva al sequestro d’urgenza per oltre 130 mila euro, successivamente convalidato dal G.I.P. del Tribunale alla sede, eseguito sulle disponibilità finanziarie dei soggetti.

Proseguendo nelle investigazioni, i militari Vallesi hanno acclarato il carattere di reiterazione delle condotte distrattive e di occultamento realizzate dai tre imprenditori, risultati tra l’altro essere legati da vincolo farLiare, negli anni dal 2016 al 2018, riuscendo cosi a determinare, alla data del fallimento, un passivo di un milione e cinquecento mila euro. Per garantire l’interruzione dei fatti/reati accertati nella fase delle indagini, il G.I.P. del Tribunale alla sede emetteva un’ordinanza applicativa della misura cautelare personale, consistente nel divieto temporaneo di esercitare l’attività di imprenditore e di ricoprire uffici direttivi presso persone giuridiche ed imprese, eseguita nei confronti dell’imprenditore fallito e dei propri familiari.

Si specifica che il provvedimento cautelare è stato eseguito nell’attuale fase delle indagini preliminari ed è basato su imputazioni provvisorie, che dovranno comunque trovare riscontro in dibattimento e nei successivi gradi di giudizio. La responsabilità penale degli indagati sarà accertata solo all’esito del giudizio con sentenza penale irrevocabile.

Articoli correlati

Preleva illecitamente 2 mila euro per fare scommesse online, 50enne denunciato dai carabinieri

Redazione Inveritas

Sbanda con l’auto, 26enne muore schiacciato

Pietro Montone

Falsi esami e lauree, in 43 davanti ai giudici

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto