Bit & ByteNEWSVarie

Falsi messaggi e-mail dell’Interpol; è l’ultimo pericoloso phishing. Fate attenzione alla nuova minaccia

Negli ultimi anni, il phishing è diventato uno dei metodi di attacco online più diffusi e dannosi. Si tratta di una tecnica ingannevole utilizzata da criminali informatici per rubare informazioni personali, come password, numeri di carte di credito e dati sensibili. Recentemente, si è sviluppata una nuova minaccia: l’invio di e-mail fake che sembrano provenire dall’Interpol, l’organizzazione internazionale responsabile di combattere il crimine a livello globale. Questa nuova tattica mira ad approfittare della reputazione e dell’autorità dell’Interpol per indurre le vittime a divulgare informazioni riservate o ad agire in modo dannoso.

Il funzionamento del phishing:

Il phishing si basa sull’inganno. I truffatori inviano e-mail o messaggi di testo che sembrano provenire da entità legittime, come banche, istituzioni governative o, in questo caso, l’Interpol. Le e-mail fake dell’Interpol possono includere il logo ufficiale, nomi di funzionari o altre informazioni che conferiscono loro un aspetto autentico. L’obiettivo è quello di creare un senso di urgenza o di paura nelle vittime, spingendole ad agire rapidamente senza pensarci troppo.

La minaccia delle e-mail fake dell’Interpol:

L’uso dell’Interpol come “facciata” per il phishing rappresenta una nuova e preoccupante evoluzione di questa forma di attacco. L’Interpol è un’organizzazione di rilievo internazionale, nota per il suo ruolo nel contrasto al crimine transnazionale. Pertanto, ricevere un’email che sembra provenire dall’Interpol può far sorgere nella mente delle persone un senso di autorità e credibilità. Le e-mail fake possono contenere messaggi che avvisano l’utente di presunte attività illegali o di una violazione di sicurezza che richiede un’azione immediata da parte loro, come fornire informazioni personali o finanziarie.

Come proteggersi dal phishing:

Nonostante l’ingegnosità dei truffatori, ci sono alcune precauzioni che le persone possono prendere per proteggersi.

Mantenere una sana dose di scetticismo:Non fidarsi ciecamente di tutte le e-mail che si ricevono, anche se sembrano provenire da fonti autorevoli come l’Interpol. Prendersi il tempo necessario per valutare attentamente il messaggio e controllare eventuali segni di falsificazione.

Verificare l’indirizzo e-mail del mittente: Anche se il nome visualizzato sembra legittimo, l’indirizzo e-mail effettivo può essere diverso. Controllare attentamente l’indirizzo del mittente per individuare eventuali discrepanze o caratteri strani.

Non condividere informazioni personali o sensibili: Nessuna organizzazione rispettabile, compresa l’Interpol, richiederà mai informazioni personali.

Ecco una pagina Fake dell’Interpol inviata a centinaia di vittime del Phishing

Si tratta di un documento Fake senza nessun valore eliminatelo direttamente. A volte questi documenti possono contenere virus che possono compromettere i dati e il funzionamento del computer o dello smartphone evitate di aprirli se potete ed eliminateli subito. Basta solo un po’ di buon senso nella valutazione di queste mail.

Articoli correlati

Il Santo del giorno: S. Gregorio VII, papa

Le Pillole di Francesco Vitulano

Francesco Vitulano

Il Santo del giorno

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto