Chiedi all'avvocatoVarie

Cos’è e cosa vuol dire body shaming?

Per body shaming si intende qualsiasi azione (o inazione) finalizzata ad umiliare o criticare negativamente qualcuno per la sua fisicità. L’obbiettivo del “body-shamer” è far provare vergogna a qualcuno per una o più delle sue caratteristiche corporee. Anche se la tendenza attuale è di “estremizzare” il concetto, estendendolo a qualsiasi commento o atteggiamento inappropriato, il body shaming rappresenta in realtà qualcosa di molto più profondo e grave.

Prima di tutto, il body shaming è un’azione intenzionale.

In secondo luogo, si tratta di un comportamento aggressivo (attivo o passivo) verbale o non verbale, concepito per ferire una persona o un gruppo di persone. Non stiamo parlando di un “commento” mal riuscito, della “mancanza di tatto”, di chiacchiere involontariamente lasciate trapelare, di un goffo tentativo “ironico”, dell’iniziazione al cameratismo ecc. L’intento è inequivocabilmente mortificante e senza alcun altro fine.

Terzo, spesso il body shaming viene instaurato in gruppo.

Può inoltre associarsi ad altri comportamenti o atteggiamenti disfunzionali sul piano sociale e relazionale, come la discriminazione razziale o di genere sessuale, l’omofobia, il bullismo, il cyber-bullismo, il mobbing, lo stalking ecc.

In un certo senso, il body shaming rappresenta una conseguenza negativa dell’iper-sessualizzazione – che, ricordiamo, riguarda soprattutto le donne, ma non solo! In un contesto sociale che mette l’apparenza sopra ogni cosa, chi non soddisfa tale criterio di omologazione genera (involontariamente e inconsapevolmente) un vero e proprio “fastidio” che, nei casi peggiori, evolve in un sentimento negativo molto vicino all’odio. Nei casi più gravi, assume veri e propri tratti persecutori – come dimostrano alcune recenti vicende sui social media.

Conseguenze del body shaming: perché bisogna fermarlo?

Livelli estesi di body shaming possono avere effetti emotivi negativi, tra cui un abbassamento dell’autostima e lo sviluppo di problemi psicologici e/o comportamentali; ad esempio: disturbi dell’immagine corporea e relativi disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da alimentazione incontrollata, dismorfofobia, vigoressia), ansietà e depressione. Gli effetti depressivi indotti dal body shaming possono peggiorare drammaticamente nelle persone convinte che il proprio corpo non possa soddisfare i criteri sociali.

Il suicidio dovuto al body shaming è la quarta principale causa di morte tra i 15 e i 19 anni.

Un fenomeno sociale a cui prestare molta attenzione ed intervenire in maniera opportuna per arginarlo onde evitare spiacevoli conseguente, come appunto i suicidi dei nostri giovani, sempre più fragili.

Articoli correlati

Cani in spiaggia? Cosa dice la legge? Portarli si può ma con regole

Redazione Inveritas

Le pillole di Francesco Vitulano

Francesco Vitulano

Notte Nazionale del Liceo Classico: il “Publio Virgilio Marone” di Mercato San Severino c’è

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto