CampaniaNEWSVarie

Il consigliere regionale Vincenzo Ciampi: “Contributi ai gruppi di protezione civile, bisogna sostenere quelli organizzati e attivi che operano da anni a favore della popolazione. I­l loro compito è essenziale”.

Il consigliere M5S in una nota si ritiene insoddisfatto della risposta ottenuta all’ interrogazione alla giunta regionale relativa alla richiesta su quali siano i motivi per i quali, con deliberazione di Giunta, dall’elenco delle associazioni destinatarie di risorse siano state escluse le “associazioni di volontariato del terzo settore in protezione civile”. “Con tale deliberazione – spiega Ciampi -sono stati riservati benefici ai soli gruppi comunali iscritti e a quelli in via d’iscrizione all’Elenco Territoriale di Protezione Civile. A questa mia interrogazione non è stata data una risposta esaustiva. Eppure si tratta di associazioni di volontariato impegnate nelle emergenze che sempre più spesso affliggono il territorio. Le calamità naturali si affrontano con un sistema ormai storicamente testato, riconosciuto dalla legge nazionale. Eppure la Regione Campania, quando si tratta di sostenere queste associazioni, inspiegabilmente rallenta i flussi di contributi, chiede continui rendiconti, anche quando ci sono stati controlli da parte dello stesso ministero.
Si continua a ritenere che il lavoro dei gruppi di protezione civile sia sostenuto distribuendo contributi a pioggia attraverso i sindaci, siamo nell’ordine di 500 mila euro, anche in comuni dove i gruppi non sono costituiti. Anche sui fondi relativi all’emergenza covid si continua a registrare un ritardo della distribuzione dei fondi a causa della reiterata richiesta di rendicontazioni già inviate nella fase dei controlli di primo livello. La Regione dispone già dei fondi della protezione civile nazionale, stabiliti sulla scorta della prima rendicontazione, ma viene richiesta una nuova documentazione per ulteriore istruttoria “dimenticando” che quei documenti erano stati già inviati dalle associazioni. Infine ci sono associazioni che vivono sui contributi di cittadini enti e associazioni e anticipano fondi per tenere attivi tecnologie e mezzi indispensabili per far funzionare la rete di protezione civile sul territorio, ma tali associazioni sono costrette ad attendere mesi o anni per ottenere i rimborsi mentre pagano cash manutenzioni dei mezzi, assicurazioni e rimborsi spese. Per tale motivo la risposta che arriva dal direttore generale della Protezione civile campana e dal suo capo staff appare del tutto insoddisfacente”

Articoli correlati

Fisciano: sequestrato dai Carabinieri lo Scuolabus comunale perché privo di assicurazione e revisione

Redazione Inveritas

Caserta: in giro di notte vìola la sorveglianza speciale, arrestato

Pietro Montone

Scovati altri due percettori che non avevano diritto al reddito di cittadinanza

Redazione Inveritas

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Utilizziamo i cookie per una esperienza ottimale di utilizzo. Accetta Leggi tutto